giovedì 19 novembre 2015

Mezzomerico Forest Race 2015

Diversi i motivi per essere soddisfatto della Mezzomerico Forest Race di domenica scorsa.
Partecipo alla gara ricevendo in regalo il pettorale dalla mitica Rosy, supermaratoneta, che vi rinuncia causa altri impegni.
Decido di fare il trail corto il cui percorso, rispetto alla mia ultima partecipazione, viene sensibilmente allungato; si passa da 12km ai 14 indicati sul volantino, che poi si riveleranno in realtà 15km, rendendo la gara più "corposa" e appagante.
Mezzomerico è invasa da più di 700 partecipanti in totale per entrambe le gare; 417 sono quelli della gara corta.

Saluto Sonz (ottimo 14° all'arrivo della gara lunga) e Raffaella, compagna di Novara che Corre, un portento di simpatia e energia!
Fa piuttosto freddo e quindi aggiungo uno strato; mi riscaldo nel campo di calcio, dopo essere passato dal controllo del chip.
Si parte subito in leggera salita e sarà così fino al km.4, inizialmente su asfalto (sarà ben poco, come si addice a un trail) e poi su sterrato.
Sentieri stretti, boschi...una bella discesa...e le gambe vanno bene, anche se ho impiegato un po' a spezzare il fiato.
Mi pongo come obiettivo di stare sotto i 5'/km ovunque fosse stato possibile, e sarà così.
Assisto da metà gara in poi, dopo il passaggio con le corde al masso erratico, alla battaglia tra la prima e la seconda donne, che grinta...
Al ristoro bevo velocemente un tè caldo e riparto; il percorso è comunque ostico, ricoperto di foglie che nascondo buche, sassi e radici.
Credo di essere in buona posizione, tutto sommato ho subito pochi sorpassi e altrettanti ne ho fatti
Belli come sempre i passaggi tra i filari.
Al km. 10 circa si affronta un'impegnativa salita, dopo la quale mi accorgo di riprendere senza problemi il ritmo e di avere ancora birra; spingo e la lunga discesa al km.12, benchè sterrata, mi permette di stare sotto i 4'30''/km.
Mancano 2 km ed è qui che l'organizzazione ha allungato il percorso; sentiero nel bosco, sterrato tra i campi e lungo rettilineo nel quale perdo un paio di posizioni.
Si rientra dal campo di calcio, mezzo giro, allungo, sorpasso finale e arrivo...chiudendo al 75°posto a 5'10''/km di media.
Mi cambio nel "campo di grano" adibito a parcheggio e noto come ora non senta più il freddo, pur essendo a dorso nudo.
Il panino con salamella e la birra offerti ai finisher...che pensavo di non prendere...in realtà "vanno giù" come niente...
Percorso in natura che già conoscevo e che mi piace molto, organizzazione ineccepibile, buona gara....bene così!






10 commenti:

  1. Grandissimo Marco, un piacere incontrarti in gara anche se ti vedo solo alla partenza!!!!!
    Un grande piacere leggere il tuo blog. ...bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me ha fatto piacere incontrarti! Hai fatto una bella gara anche tu!
      Grazie che sei passata dal mio blog... :)

      Elimina
  2. Bravo Marco! Avrei dovuto esserci anch'io senza la disavventura della caviglia,comunque fatta l'anno scorso e mi aveva entusiasmato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo....l'anno scorso avevi fatto la gara piena di fango!

      Elimina
  3. Bravo Marco ma se vuoi fare davvero un bel percorso devi fare la lunga,si passano alcuni tratti che sono davvero belli...l'anno prossimo vedi di fare quella...oppure quando vuoi vieni con me e quelli del mio gruppo che la corriamo insieme...sono i posti dove ci alleniamo e li conosciamo a memoria.
    Ciao nè;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo fatto la lunga 2anni fa...ma quest'anno ho preferito fare la corta. Bei posti per allenarsi! Grazie . Ciao

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie! Sarà merito dei riscaldamenti fatti insieme... :).
      A proposito. ..tra un'oretta ci vediamo...

      Elimina